Al termine di ogni modulo è previsto un test di uscita in seguito al quale viene, su richiesta, rilasciato un certificato di frequenza e, quando previsti, i crediti ECM.

Al termine del primo anno accademico viene effettuato un esame finale per verificare la capacità di affrontare i casi acuti e la conoscenza degli elementi fondativi della medicina omeopatica. Viene rilasciato attestato di frequenza del primo anno.

Al termine del triennio viene rilasciato, dopo aver sostenuto un esame ed elaborato una tesina, il diploma LUIMO. Accederanno agli esami solo coloro che avranno frequentato il 90% dell'intero corso.

Nota bene: allo stato attuale in Italia è possibile esercitare la Medicina Omeopatica come atto diagnostico e terapeutico esclusivamente se si è in possesso di laurea in Medicina e Chirurgia.

Una conoscenza approfondita della Medicina Omeopatica è però utile e necessaria anche ad altre professionalità quali quelle relative ai farmacisti e chimici farmaceutici, ai biologi (industria e farmacie), e ad altre professioni sanitarie in cui si viene a contatto con pazienti che si curano con la Medicina Omeopatica o con medicinali Omeopatici.