1. Medicina Omeopatica: metodologia dell’apprendimento e problemi di filosofia della scienza

2. Cenni storici sulla fondazione e sviluppo della Medicina Omeopatica

3. L’Organon di Samuele Hahnemann

4. La sperimentazione pura

5. Cosa bisogna curare in ogni malato

6. Stati acuti di malattia

7. Malattia cronica

8. Stati acuti da malattia cronica

9. La Psora, idiosincrasia fondamentale della patologia

10. L’Omeopatia con i suoi principi fondamentali:
        a) – Vis medicatrix naturae;
        b) – Similia similibus curentur;
        c) – Sperimentazione pura sull’uomo sano;
        d) – Energia vitale;
        e) – Individualità morbosa;
        f) – Individualità medicamentosa;
        g) – La dose minima;
        h) – I miasmi

11. Concetti scientifici e metodologici della medicina omeopatica
        a) – Salute e malattia;
        b) – Malattie acute e croniche. I miasmi Psora, Sifilis e Sicosi quali fattori dinamici costituzionali che determinano la patologia

12. Funzione della terapia

13. Legge di guarigione

14. Omeopatia è individualizzazione, è scoprire il coefficiente personale di ogni malato

15. Genesi e direzione dei sintomi

16. Diagnosi e prognosi

17. Materia Medica pura e Materia Medica clinica

18. Clinica omeopatica, il protocollo clinico biopatogfrafico LUIMO:
        a) Come prendere il caso. Regole fondamentali;
        b) Il linguaggio del paziente e le serie sintomatologiche della materia medica;
        c) La personalità del paziente;
        d) Storia biopatografica;
        e) Relazione medico paziente;
        f) Formazione psicologica del medico;
        g) Caratterizzazione del quadro clinico totale, biotipogenetico, miasmatico del paziente;
        h) L’importanza dei sintomi mentali;
        i) La medicina psicosomatica e Medicina Omeopatica;
        j) La legge omeopatica si applica al malato nella sua totalità psicofisica e non alla malattia;
        k) Repertorio: il vocabolario dei sintomi;
        l) La prima prescrizione;
        m) Uso delle potenze;
        n) Modalità di aggravamento e miglioramento nel malato;
        o) Quando possiamo affermare che il malato sta migliorando;
        p) Legge di guarigione e ritorno dei vecchi sintomi;
        q) Cosa dobbiamo aspettarci dalla reazione del malato;
        r) Seconda prescrizione e successive;
        s) Malati sensibili che percepiscono la patogenesi della sostanza e malati incurabili